Le Tour du Mont-Blanc

Cahier du randonneur

Rifugio Elisabetta

mercredi 10 août 2011 Michele Fornari

Conditions génerales:
Très bonnes
Présence de névés:
Pas du tout

Bella e facile gita ideale per la famiglia, molta gente sul sentiero. Unico neo della giornata il vento un po' fastidioso che soffiava dal Col de La Seigne.
Ottimo pranzo al Rifugio Elisabetta.
Al ritorno abbiamo fatto una deviazione al Lago del Miage per osservare il ghiacciaio.

Tour du Mont- Blanc

lundi 04 juillet 2011 Chiara Jaccod

Conditions génerales:
Bonnes
Présence de névés:
Un peu

Nell'ambito del PIT Espace Mont-Blanc, progetto Education à l'environnment, si è concluso oggi il primo dei quattro Séjours pédagogiques tranfrontaliers organizzati dalla Fondazione Montagna sicura con la partecipazione del Sivom Pays du mont Blanc, il Centre de la Nature Montagnarde di Sallanches e la Fondation Tissières di Martigny.
9 ragazzi e 3 paesi coinvolti per un'esperienza di condivisione di un territorio comune: l'Espace Mont-Blanc.
Lunedì mattina ore 9.30 partenza da Notre-Dame de la Gorge a Les Contamines-Montjoie, nonostante il cielo a tratti coperto la giornata si è mantenuta buona e senza rovesci; il gruppo - composto da 9 ragazzi provenienti dai tre paesi dell'EMB, le guide e la sottoscritta - si è diretto lungo la strada romana in direzione della località detta La Laya e da lì fino al rifugio della Balme. trattasi di un tragitto di facile percorrenza dato anche il ridotto dislivello (500m ca), l'ideale per iniziare il tour in tutta tranquillità.
Il secondo giorno ci siamo diretti alla Tete Nord des Fours (1300m ca di dislivello), un po' di vento in quota ma cielo limpido ed ottima vista sulla catena del Bianco lato francese, e discesa fino al rifugio des Mottets (ottima cucina e simpatico accompagnamento "fisarmonico" della gestrice); verso sera il cielo si è un po' annuvolato tanto che il giorno successivo abbiamo trovato un po' di pioggia scendendo dal Col de la Seigne lungo la Val Veny. Ieri, giovedì 7 luglio, è stata la volta della traversata della Val Ferret, poiché la mattina si prospettavano rovesci si è optato per raggiungere coi mezzi pubblici la località Lavachey e risalire fino al rifugio Bonatti dove la gestrice, la signora Mara, ha spiegato ai ragazzi che lo sviluppo sostenibile è possibile anche ad alta quota!! da lì abbiamo continuato il nostro percorso fino al rifugio Elena, graziati dalla pioggia, che è scesa a frotte durante tutta la notte ma che è smesso di prima mattina permettendeo al gruppo di attraversare il Col Ferret per giungere finalmente in Svizzera a conclusione del Tour.
Non si segnala la presenza di nevai o altro lungo il percorso. Il Tour è relativamente frequentato in questo periodo, che - a mio avviso - risulta essere il periodo migliore per cimentarsi nell' "impresa" viste le relativamente buone condizioni metereologiche e climatiche (con il sole si sta bene in maglietta e basta un semplice antivento quando il cielo si annuvola).

foto di gruppo!!

Morgex - bivacco Pascal - Courmayeur

samedi 11 juin 2011 Chiara Jaccod

Conditions génerales:
Bonnes
Présence de névés:
Un peu

Sabato mattina, partenza di buon ora (7.30 ca) per provare una parte del Trail della Valdigne con un gruppo di partecipanti alla manifestazione. Partenza dal centro di Morgex in direzione frazione Dailley da dove parte il sentiero che conduce alle baite della Villotta; da lì si prosegue fino in cresta per raggiungere il bivacco Luigi Pascal (2.920 mt). Il tempo non era dei migliori: il sole andava e veniva coperto dalle nuvole e lo 0° termico a 2.200 mt si faceva sentire nei momenti di nuvolo, tuttavia nell'insieme la salita è stata piacevole! Con passo tranquillo ma costante (intervallato da alcune pause rigenerative durante il percorso) siamo arrivati in vetta in circa 3h30. Dopo esserci rifocillati all'interno del bivacco siamo scesi fino al colle di Licony "scivolando" letteralmente sulle chiappe, altrimenti si rischiava di sprofondare fino alle ginocchia sul nevaio che è ancora abbondante nel tratto che conduce al colle. Tuttavia, da lì in poi, il sentiero è completamente pulito ed il tratto che ridiscende in Val Sapin è in buone condizioni nonostante che, a tratti, fosse ancora un po' bagnato. Arrivo a Courmayuer verso le 13h30 ca con tanto di "gelatozzo" per premiarsi dello sforzo :)
Tempo di percorrenza, pause incluse, 6h00.
Gita consigliata: splendida vista sulla Valdigne e la catena del Bianco.
Per il rientro a Morgex si può prendere il bus da Courmayeur oppure continuare a piedi lungo la strada regionale anche se asfaltata.

Courmayeur - Tête de La Tronche

samedi 04 juin 2011 Auteur caché

Conditions génerales:
Bonnes
Présence de névés:
Pas du tout

Bella gita, saliti dal Villair di Courmayeur, breve sosta al Mont de La Saxe al rif. Bertone, arrivati alla Tête de La Tronche in trada mattinata. Vista stupenda!

img1
img2

aig. des posettes

jeudi 02 juin 2011 Auteur caché

Conditions génerales:
Bonnes
Présence de névés:
Pas du tout

belle journée du soleil avec un peu de nuage. quelque morceaux de neige un peu de vent un peu frais. belle montée dans les bois petit chemin magnifique entre les mélèzes et les rhodos

Lac de Miage

lundi 30 mai 2011 Auteur caché

Conditions génerales:
Bonnes
Présence de névés:
Un peu

Vraiment pas grand monde en ce moment, pique nique complètement seuls au bord du lac de Miage. La Noire de Peuteurey a l'air relativement sèche, pas mal de neige en direction du col de la Seigne. Croisé 2 randonneurs qui font le TMB, voici leurs infos : beaucoup de neige au col du Bonhomme et passage du col des Fours assez dangereux, côté col de la Seigne la neige présente n'est pas trop gênante par rapport aux passages précédents. De visu l'accès au Col du Grand Ferret n'a pas l'air problématique, la descente côté Suisse doit être plus chargée.

Cahier du randonneur